Intervista a Nella Piantà sulla Grafica d’ Arte

La Grafica d’ Arte è molto antica ed allo stesso tempo molto moderna.

Le tecniche si tramandano di generazione in generazione e, su questo arcaico sapere, il genio, l’intuito e l’inventiva creano nuovi metodi di espressione che fanno di ogni incisore un personaggio unico e connotano le sue opere con un ‘segno distintivo’ che, ad occhio esperto, diviene subito riconoscibile.

Opera di Nella Piantà – Trovatori e Amor Cortese

 

Per i profani è difficile rendersi conto di quanto impegno ci vuole nel realizzare questo tipo di opere e, proprio per questo, abbiamo intervistato Nella Piantà che, ricevendoci nel suo laboratorio, ci ha raccontato come nasce un’incisione d’Arte.

Pensando ad un pittore, ci viene spontaneo immaginarlo dinanzi ad una tela con pennelli e tavolozza ma quando pensiamo ad un incisore facciamo fatica ad immaginarlo all’opera.

Come potrete vedere nel video-intervista, per realizzare un’incisione artistica occorre eseguire molte lavorazioni che dipendono non solo dal disegno che si vuole realizzare ma anche dal materiale scelto e dalle tecniche scelte o… ispirate!

Fatta l’incisione, è arrivato il momento delicato della stampa; è un momento emozionante in cui l’Artista può finalmente avere visione del suo lavoro ed è proprio solo ora, con la stampa in mano, che l’autore può rendersi conto se ha ottenuto il risultato ipotizzato nel suo sentire più profondo.

 

Nelle quattro tappe della Manifestazione Andar per Castelli, in collaborazione con l’Associazione ‘Senso del Segno’ di Torino, si realizzerà una mostra di incisioni artistiche che avrà lo stesso tema che contraddistingue l’edizione 2017, Trovatori e Amor Cortese.

Sarà sicuramente molto interessante poter vedere le opere di tanti validissimi incisori ed ancor più interessante sarà appurare come un tema così nobile e delicato come l’Amor Cortese, sia stato in grado di ispirare tante sensibilità artistiche diverse.

Il curatore della Mostra è la Prof.sa Donatella Taverna che, oltre a proseguire costantemente i suoi studi antropologici, scrivere libri, insegnare, da decenni segue la sua passione per l’Arte in genere, soprattutto quella figurativa.