Curiosita

NINFEA

Pianta acquatica che comprende una cinquantina di specie, al contrario di ciò che si pensa è diffusa in Europa e presente anche in Italia, soprattutto nelle regioni settentrionali, come ninfea bianca o semplicemente ninfea alba, chiamata anche càrfano e giglio d’acqua.
Le foglie disegnano un tappeto sul pelo dell’acqua, da cui spuntano, di una decina di centimetri, solo i fiori.
Al lago di viverone si trovano alcuni gruppi di ninfea alba sulle rive verso la collina con foglie tra i 25 e i 30 cm e fiori rosa e bianchi.

L’ERBALUCE DI CALUSO

L’Erbaluce di Caluso è un vino DOCG la cui produzione, consentita nella Citt Metropolitana di Torino, e nelle Province di Biella e Vercelli, si svolge particolarmente sulle colline intorno a Caluso, centro del Canavese nella Citt Metropolitana di Torino, in Piemonte.
Il riconoscimento della Denominazione di origine controllata e garantita è avvenuto con Decreto dell’8 ottobre 2010, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 248 del 22.10.2010, ma è il vitigno DOC più vecchio del Piemonte, anno 1967.
Ha il caratteristico colore giallo paglierino, un odore fine, che ricorda fiori di campo, e un sapore secco, fresco e caratteristico. Si abbina particolarmente bene con i piatti a base del pezzo forte di Viverone, il coregone, ma nelle sue tre vesioni, accompagna dall’antipasto al dolce.
Le prime notizie del vitigno Erbaluce risalgono al 1606, quando viene menzionato in un suo libro da Giovan Battista Croce, gioielliere presso il duca Carlo Emanuele I. Il nome del vitigno deriva dal colore che assumono gli acini in autunno: i riflessi rosati e caldi si fanno più intensi, ambrati, nelle parti esposte al sole. Questa Doc viene prodotta in diverse tipologie: oltre a vino fermo esistono le versioni Spumante metodo classico (con rifermentazione in bottiglia) e Passito. Viene anche prodotto fuori dalla DOCG, come spumante metodo Martinotti, con rifermentazione in autoclave.

FIOR DI LOTO

Fiore sacro dell’antico Egitto, il fior di loto è una pianta acquatica appartenente alla famiglia delle Nelumbonaceae.
E’ amato per i grandi fiori di straordinaria bellezza e candore, le grandi foglie tondeggianti idrorepellenti e per le caratteristiche capsule dei semi, che rimangono nude a met estate con effetto molto decorativo.
A Viverone da anni troviamo la specie più diffusa, il Nelumbo nucifera, originario di Asia e Australia. In questo lago il loto si estende in diverse zone con foglie che raggiungono anche un diametro di sessanta centimetri ed emergere dall’acqua fino ad un metro.
I grandi fiori rosa sono molto grandi e profumati, i rizomi sono commestibili e utilizzati, come le grandi foglie, nella cucina asiatica.