Festa dell’uva Settembre 2018

22 – 30 Settembre 2018

FESTA DELL’UVA A CAREMA, VIVA IL VINO “EROICO”!

Forte di uno scenario naturale spettacolare e caratteristico, quello delle vigne terrazzate lungo le pendici della montagna, Carema, antico borgo medievale da riscoprire, vanta anche una delle Sagre enogastronomiche più importati del Piemonte.

La Festa dell’Uva e del Vino di Carema, che giunge quest’anno alla sua 66esima edizione (da sabato 22 a domenica 30 settembre), è senza dubbio una delle più note e longeve sagre del Canavese e del Piemonte, capace di unire armoniosamente, col fine ultimo della promozione del territorio a 360 gradi e della sua cultura vitivinicola, la storia, la tradizione e l’eccellenza dei propri prodotti, in questo caso del vino. Quel famoso Carema DOC, che rientra nella tipologia dei cosiddetti “vini eroici” (perché coltivati in condizioni particolarmente difficili per via della morfologia del territorio) e che proprio l’anno scorso ha festeggiato i 50 anni dal riconoscimento del fregio di Denominazione di Origine Controllata.

La manifestazione si articola in una decina di giorni, culminando nell’ultima domenica di settembre, e il vino, con la sua storia e cultura, ne è assoluto protagonista, sia come prodotto enogastronomico da gustare sia come prezioso simbolo di un paese ricco di tradizione millenaria da studiare e approfondirne la conoscenza.

Durante la kermesse, nella Chiesa dei Disciplini, si svolgono convegni e dibattiti sul tema, incontri, presentazioni librarie e mostre. Quest’anno sar presentata la restaurazione dei libri antichi dell’archivio storico e la personale dell’artista Massimo Pellerej. Sempre al sapore e al gusto del frutto dei vigneti sono dedicate iniziative collaterali e seguitissime dai visitatori, sia locali che provenienti da altri Comuni. E’ il caso del magico e affascinante percorso serale di “Andar per le cantine antiche” (sabato 29 settembre), un’esperienza enogastronomica che porta il turista alla scoperta delle cantine dei privati del paese (dette “crote” e scavate nella roccia), alla luce delle fiaccole e attraverso le strette stradine e i caratteristici pergolati a vite, tragitto offre un pittoresco connubio tra promozione del vino e scoperta dell’antico borgo: nove soste in altrettante “crote” e punti di ristoro, in cui è possibile gustare dall’antipasto al dolce, oltre che sorbire lo squisito Carema DOC e le grappe tipiche piemontesi.

Le vigne e i loro spettacolari terrazzamenti sono scenario del “Concerto dei vigneti”, del concorso di pittura estemporanea per miglior esecuzione artistica, quest’anno con tema “Carema: un antico borgo medievale da scoprire (nella giornata di sabato 22 nei locali dell’ex asilo del paese) e l’ormai immancabile “Corsa nei vigneti”, gara podistica non competitiva di 7 km (venerdì 28 settembre).

La giornata di domenica, attesissima, dopo il Pranzo Ufficiale a cura della Pro Loco, raccoglie nella tensostruttura allestita nell’area sportiva tutti i viticoltori del paese per l’assegnazione del Grappolo d’Oro, ambito riconoscimento per il miglior produttore di Nebbiolo dell’anno. Un evento che premia comunque in vario modo la gran parte dei partecipanti e che anticipa la premiazione del concorso di pittura estemporanea, dopo le sempre gradite performances musicali della Mini Banda di Carema, diretta dal Maestro Matteo Bosonetto, e del Complesso Bandistico di Carema, diretto dal Maestro Renato Yon.